Social Media Manager


ninjacademy. it/marketing/c. . .

ciao a tutti ragazzi sono giulio xhaet i pali in veste di coordinatore della ninja social factory allora è giusto alcune cose per spiegare che fosse interessato un meglio come funzionerebbe la factory innanzitutto siamo felici di sono felice di dirvi che è già la seconda edizione l’abbiamo fatta questa edizione della social factory perché la prima edizione della ninja factory la ninja digital factory che era leggermente diversa è andata davvero bene abbiamo sono andati oltre il sold out i ragazzi sono contenti ed è stato utile è che ne abbiamo detto bene lanciamo subito la prossima edizione che riguarderà meno aspetto i digital in generale ma si focalizzerà nello specifico sull’aspetto dei social media in maniera possibile operativa e concreta proprio perché supporterà in parallelo il master in social media marketing and community management ok il come funziona il tutto è una formazione in potremmo dire in blended learning ovvero comincerà dal vivo con una sessione di una giornata dal vivo in cui io presenterò somma faremo un po il punto sulle novità che riguardano le piattaforme social media in generale e quella giornata dal vivo il 5 aprile sarà anche l’occasione per incontrarci punto tutto dal vivo e costituire dei veri e propri gruppi gruppi team di lavoro questi team di lavoro poi lavoreranno per tutta la durata del master per tutti i mesi la durata del master creando delle vere e proprie sessioni operative delle campagne di social media marketing qualche esempio una campagna di facebook sviluppo piano editoriale progettazione di una campagna di promozione a pagamento con facebook oppure su twitter o delle attività di ricerca degli influencer sviluppi piani editoriali oppure ancora su una progettazione di un canale ufficiale contest e attività di guerrilla anche creative su ping su pinterest e instagram fino ad arrivare alla ideazione alla fine di questo percorso di una cosiddetta best kate è ver ovvero di una campagna integrata attraverso tutti gli strumenti social affrontati durante il master dopodiché ci ritroveremo di nuovo alla fine di questo percorso dal vivo per celebrare quello che abbiamo fatto ciascuno dei gore cesco un gruppo racconterà quello che è riuscito a sviluppare sui social media e il gruppo che convincerà di più una giuria di qualità che sarà presente in quel giorno insomma di presentazione finale avrà in cambio dei premi con un premio tangibile concreto bene ancora vorrei dire perché dovrebbe essere interessante partecipare ad un progetto del genere magari vi state di stare anche pensando ok cavoli sembra carino però già sto spendendo i soldi per il masters e voglio farlo perché dovrei spendere altri soldi per una factory guardate potrebbe essere un buon investimento per quale pro quali motivi innanzitutto con un percorso che learning by doing ovvero a prezzi comunque accessibili vi permette di imparare facendo che la una delle cose più importanti io lo ripeto sempre quando qualcuno ascolta quando qualcuno vede sì qualcosa si ricorda così dimentica ma effettivamente e quando qualcuno fa dal vivo che poi impara effettivamente a lanciare un progetto a lanciare una campagna soprattutto nel digital marketing nelson nella social media marketing seconda cosa lavorerete con le in ottica smart working ovvero con un ufficio proprio 2.0 praticamente lavoreremo con delle piattaforme dei tool che tra l’altro di cui si occuperà in una sessione ad hoc all’inizio del master stefano besana che gioca con voi oggi col free webinar che saluto ciao ster e con dei tool che sviluppano incentivano il lavoro delocalizzato per team di lavoro che possono stare appunto senza ufficio quindi lavoreremo in maniera indipendente dall ufficio questa è una competenza un’attitudine nuova importante da sviluppare per i professionisti di domani perché saremo sempre più svincolati da orari di lavoro classici uffici e saremo sempre più improntati a lavorare in maniera delocalizzata e per obiettivi detto questo un altra cosa importante è che secondo me vi porterete a casa poi un lavoro concreto che potrete sfruttare sia che voi abbiate già un lavoro si che voi non abbiate un lavoro se non avete un lavoro potreste portare al colloquio concretamente un progetto che avete sviluppato che volete insieme agli altri sviluppato in modo da far vedere a chi vi fa il colloquio da te io ho già fatto esperienza e so mettere in piedi delle campagne di questo tipo su tutti i social media principali che quello che fa la differenza non quello che di lavoro oppure se avete già un lavoro e volete ottimizzare le vostre opportunità professionali nella vostra azienda trovare nuove opportunità nuovi sbocchi professionali anche in questo caso avete un qualcosa di tangibile in mano da mostrare alle persone che vi devono valutare e questo è un valore aggiunto in molto importante bene detto questo io penso che avevi detto le cose più importanti se volete avere altre informazioni e cedette alla pagina ufficiale sul sul sito di in giacca tin. it della ninja social factory ripeto una factory cento per cento learning by doing sui social media bene quindi i ragazzi spero di vedervi ci sono anche gli ultimi posti disponibili quindi se qualcuno è interessato prende adesso le ultime informazioni e spero che si scriva così ci vediamo ci confrontiamo ci conosciamo e vedrete che ci sarà anche da divertirsi tanto ragazzi a presto ciao era perfetto grazie mille giugno allora io vi ricordo il link per iscrivervi al corso è ovviamente l’asta e ai ninja master online per condividere commenti argomenti e sensazioni si è quindi passa la parola a stefano allora ringrazio moltissimo giulio che che saluto è sostanzialmente quello di cui parleremo nelle prossime settimane nella parte di mia competenza in questo webinar sono i temi legati in generale a quello che viene descritto in questa slide quindi i modelli e le indicazioni per l’evoluzione di un’organizzazione verso uno scenario di cosiddetta social organization di social enterprise sostanzialmente di che cosa andremo andremo a parlare insieme andremo a parlare di quelli che sono gli scenari che negli ultimi anni hanno impattato e hanno modificato il modo di intendere organizzazioni sia loro esterno a livello di processi di marketing di comunicazione e appunto tutti i processi che stati resi differenti dai social media sia a livello interno quindi tutto quello che riguarda più l’ambito specifico della nostra nel nostro modulo che appunto legato alla parte interna dell’organizzazione quindi tutto quello che viene appunto considerato come social enterprise quello che vedremo è come sostanzialmente il modo oggi di cercare informazioni di fare acquisto di informarsi su un brand su una marca sull’organizzazione qualunque passa attraverso i media digitali quindi passa attraverso tutte quelle che sono le properties che possono essere i social media la pagina facebook è una community di brand o di marca di un’organizzazione oggi vediamo come una grossa maggioranza dei consumatori predilige comportamenti di acquisto online ricerca informazioni attraverso tutto quello che sono appunto i canali il canale digitale tutto questo vedremo anche come si riflette all’interno della redazione e quindi le organizzazioni devono essere in grado di cambiare e di riadattarsi per poter far fronte a quella che è la sfida di un mercato esterno differente quindi di capire come attraverso l’utilizzo di tecniche di collaborazione interna di socializzazione dei processi saranno in grado di intraprendere un percorso di trasformazione digitale che li porti a diciamo rendere molto più efficienti i loro processi in che modo per esempio abbattendo alcuni di quelli che sono i costi che attualmente organizzazioni di oggi si trovano a dover fronteggiare proprio in modo concreto quindi questo è un grafico di riporto abbastanza recente di mckinsey che mostra appunto la dispersione di tempo che sia in nella gestione dell’attività di attività abbastanza normale abbastanza semplice che siamo abituati tutti quanti a fare del nostro day by day quindi la gestione delle e mail la ricerca di informazioni il comunicare all’interno all’esterno dell’azienda la ricerca di persone che hanno una specifica competenza che possono intervenire nel problema capiremo come alcuni di questi aspetti possono essere assolutamente migliorati attraverso l’adozione di tecnologie collaborative capiremo poi come l’organizzazione di oggi deve essere considerata un contesto sempre più fluido questa è un’immagine molto molto carina molto interessante secondo me che mostra molto bene come in realtà a fronte di un organigramma strutturate gerarchico di un’organizzazione poi quello che accada di fatto e quello che succede dietro organizzazione sia completamente diversa quindi persone che magari le coprono una posizione molto elevata e molto strutturata all’interno dell’organigramma aziendale come nella parte sopra dell’immagine poi in realtà di fatto a livello di rete informale hanno un peso specifico molto molto differente molto molto diversi capiremo anche come valorizzare il capitale individuale il talento individuale delle persone attraverso l’adozione a punto di strategie strumenti e processi collaborativi ragionare oggi in termini di organizzazione social significa ragionare in termini di organizzazione aperta collaborativa e integrata tra interno esterno oggi quella che è un po il tema che andremo anche a trattare nel nei prossimi webinar e quello che riguarda appunto senza stabile annoiare ma dandovi soltanto un novero di un molto veloce quello che viene un po riassunto in questa in questa immagine quindi il processo verso il quale stiamo andando la direzione verso la cosa stiamo andando e quella sempre di più in considerare l’organizzazione come un organismo network fluido in cui barriere tra interno ed esterno le barriere tra dipartimenti aziendali hanno sempre meno senso è sempre meno efficace e sempre meno ragione di esistere quindi oggi le organizzazioni non può essere social a metà non possa avere la pagina facebook e poi internamente essere organizzato ancora con un fax con passate mia espressione un piccione viaggiatore ma è chiaro che devo organizzare internamente nei processi in modo tale che siano socializzati e siano digitalizzati anche i processi il processo il tempo per concludere è giusto per non per dare vita una visione generale proveremo anche a introdurre ea utilizzare uno degli strumenti che come citava anche giustamente giulio prima o poi verranno utilizzati proprio da voi in modo fattivo in modo concreto in modo attivo nella vostra esperienza quotidiana questo and bass camp è uno dei tool che molti di voi sicuramente conosceranno già e conosceranno anche avevano già avuto esperienze in passato su questo tipo di strumento ed è uno strumento molto semplice e molto efficace che rappresenta diciamo una piccola fetta di quella torta del grande ecosistema delle tecnologie che possono essere utilizzate su questo aspetto per migliorare i nostri processi di gestione anche banalmente non troppo banalmente in realtà su un’esperienza di classe come quella che che vedrete voi nei prossimi nei prossimi webinar quindi anche per scambiarsi informazioni e documenti gestire un calendario condiviso gestire una serie di attività e di scadenze e di tusk in modo in modo il mondo molto preciso a mente questi sono i temi di cui andremo a parlare in questo modo specifico per spenderlo in due o tre parole capiremo come oggi non si possa essere sostanzialmente associa la metà quindi il organizzazioni che vogliono essere veramente socia devono essere tanto all’esterno quanto al loro interno perfetto allora grazie mille stefano allora io adesso è passo la parola michela eccoci qua con con molti di voi insomma in generale google plus viene visto in questo modo quindi si parla di deserto ancora oggi però i dati sono diversi vincenzo cosenza mette a disposizione dei dati del terzo trimestre del 2013 in cui si dice che google plus è il terzo social media al mondo per utenti attivi però è anche vero che quando si entra su google plus si trova si trovando i post così e questi post così hanno anche successo quindi molti mi chiedono ma utenti attivi che tipo di utenti attivi sono hanno un tempo di permanenza a bassissimo entriamo su google plus e capiamo che cos’è google plus per affrontare comunque questo contesto qui analizziamo il contesto e l’affrontiamo e dobbiamo chiedere che cosa fa un’azienda con questo social layer di google un social layer è lo strato sociale di google che ci dà l’opportunità di di essere me stesso di essere noi stessi ma soprattutto offre a google la possibilità di capire chi siamo e questo lo dice il brady horror suite che il dice adesso non mi ricordo esattamente la carica però e si occupa di google plus ad alti livelli e dobbiamo insomma capire che alla base di google c’è google plus google plus ci identifica in google e su google plus google poi va a costruire tutta una serie di strumenti che viene integrato in google plus vediamo bene che tipo di effetti a google plus nel web io vi ho preparato questa questa slide in cui faccio vedere la stessa serpe quindi con la stessa query di ricerca e nel caso in cui una persona su google plus mi ha cerchiato sotto lo vedete e nel caso in cui invece non mi ha inserito nelle sue cerchie nel nella nella serp di sopra noi non vediamo il mio risultato mentre nella serp sotto e chiaro che appare un mio post un mio post che tipo di posta è però questo qui quindi io vi ho cercato anche nella slide questo simbolino di omino questo vuol dire che siamo nei risultati privati e quindi abbiamo adesso questo mai answer che funziona in questo modo chi mi segue vede i miei post anche sui risultati di ricerca e vede i post condivisi in privato quindi non soltanto i post condivisi pubblicamente chi mi segue poi chi segue la mia azienda sa chi sono perché ha ben in mente quindi gli appare sul sul risultato di ricerca un box che è un box tipo knowledge graf addirittura con i contatti la mia e mail mio numero di telefono e con i post recenti quindi kimi chi mi mette nelle sue cerchi chi mi segue sa chi sono sa cosa faccio e sa come contattarmi inoltre quando che cosa succede qui ne abbiamo visto i motori di ricerca ma abbiamo anche come strumento collegato a google plus gmail e c’è chi come domitilla ferrari dice la mia mail e il mio network infatti se andate a vedere gmail troverete tutte le vostre cerchie suddivisa sia nella posta come vedete qui sia nei contatti e contatti su gmail li possiamo esportare possiamo ottenere veramente dei dati interessanti ma google è anche che poi e quello che il vero social network di google quindi ormai chi a deve avere comunque google plus alimenta google plus e google plus alimenta quindi vedremo come essere sui motori di ricerca avere visibilità non è più soltanto una questione di seo noi con google plus dobbiamo plasmare l’identità del brand la dobbiamo potenziare attraverso un network quindi è proprio il compito del social media manager creare questo network con un obiettivo preciso raggiungere un target e abbiamo visto che se l’azienda viene seguita dalle persone e più visibili sui motori di ricerca è dentro la loro email può dialogare anche con altri strumenti quindi io ho come obiettivo di farmi seguire dalle persone su google plus e lo devo fare costruendo un network attraverso il network quindi le condivisioni porto il mio contenuto verso il mio target e dovrò usare degli strumenti che sono le cerchie dovrò innescare l’interazione e dovrò portare dei contenuti precisi io adesso faccio vedere velocemente le cerchie della costruzione del network dico soltanto che non devono mai mancare le cerchie in un’azienda di clienti di collaboratori di membri del team che dovrò comunque organizzare darsi a tare ma non devo mai dimenticarmi delle persone che mi seguono costantemente quindi dovrà organizzare una serie di cerchi che sono le persone importanti quelli che mi seguono di più quelli che ho veramente ingaggiato e i miei obiettivi le persone che voglio ancora ingaggiare dovrò premiare per diciamo conquistare le persone comunque quelli che mi seguono quelli che condividono i miei contenuti e quindi seguirò le condivisioni che vengono fatte pubblicamente dei miei contenuti attraverso l’eco di google per esempio dovrò impostare le mie cerchia e profilarlo quindi profilare il mio network costantemente non è sufficiente creare delle cerchie e lasciarle lì bisogna amministrarle per questo vedremo che ci sono degli strumenti uno di questi è circles coop che mi consente all’occorrenza di creare delle cerchie targetizzate o comunque di scoprire qual è il mio vero network perché per esempio posso vedere chi mi segue delle persone che io seguo quindi dove c’è una una corrispondenza vedremo anche look google local ma non lo vedremo soltanto nella nell’ottica dell’azienda locale lo vedremo anche nell’ottica di una comunicazione business to business perché se su google abbiamo a disposizione gmail abbiamo a disposizione di dati aziendali logicamente accerchiando più aziende local noi avremo potremo avere veramente potremo costruire veramente un crm su cui lavorare vedremo i posti che sinceramente io ancora non ho provato che però mi fanno pensare a tantissime opportunità proprio perché poi noi nel post possiamo mostrare effettivamente tantissime cose quindi con gli strumenti di google drive a e non dimentichiamo che abbiamo uno strumento potentissimo a disposizione che veramente ci fa fa capire alle persone chi siamo quindi dobbiamo avere il coraggio di essere loro stessi e far capire chi siamo e questo è appunto layout con lang out noi ci mostriamo ci facciamo conoscere e abbiamo otteniamo ci sono parecchi che sta di questo sugli hangouts otteniamo veramente un engagement rilevante quindi io vi ringrazio e vi aspetto al master per capire insieme come fare ad arrivare alla notorietà attraverso google plus perché se google decide che voi avete notorietà e b scegli come pagina consigliato come persona consigliare da seguire vedrete che avrete dei risultati incredibili vi ringrazio tantissimo e ci vediamo al corso ciao a tutti sono orazio spoto sono il segretario dell’associazione nazionale in sagra mercy italia fondatore della community di milano e ho seguito dalla nascita di insegna mercy tali ad oggi circa 300 progetti che hanno riguardato brand profit e no profit interagire con instagram potete contattarmi e trovarmi sia su instagram che su twitter con l’account orazio spoto e il mio compito il mio obiettivo sarà raccontare una storia con le immagini attraverso appunto l’utilizzo di instagram ma soprattutto sarà mettervi in grado di essere voi stessi a diventare narratori attraverso l’utilizzo delle immagini e con le potenzialità devo dire infinite di instagram non tanto come applicazione fotografica quanto come social network in generale potete considerare il fatto che ti vedono ma sono pochi effettivamente a guardare ed è anche attraverso l’esercizio è l’abitudine che si riescono ad acquisire degli skill completamente inediti e particolare rispetto alla alla massa ecco il mio obiettivo sarà proprio quello di insegnarvi le utilizzare instagram da professionisti dove instagram attenzione non vuol dire solo e soltanto fotografare ma vuol dire anche e soprattutto direi interagire e essere il più possibile sociali anche perché attraverso solo delle belle foto non si riesce a comunicare come si riesce a fare utilizzando sia delle belle immagini che accompagnandole da testi da un corretto utilizzo dei tag e dove possibile dalle mansion naturalmente l’obiettivo sarà anche quello di mettervi in condizione di utilizzare instagram sia come profili personali ma anche e soprattutto come gestore di profili aziendali quindi vi darò anche qualche dritta su come gestire al meglio con un challenge o magari organizzare attività di instagram hering hageman che oggi piacciano tanto alle alle aziende e che portano numerosi risultati non solo in termini di like e quindi di impression ma anche di interazione ma anche un po per darvi qualche spunto per esempio su instagram si possono realizzare delle vere e proprie guide turistiche e quello che ha fatto sve d’aviano compagnia low cost svedese che attraverso i commenti degli utenti e naturalmente le immagini ha creato delle vere e proprie guide che possono essere naturalmente fruite in modalità gratuita oppure progetto legato invece alla comité instagramers con marina yachting dove anziché chiedere agli utenti di documentare di fotografare un capo è stato chiesto di documentare le coste le coste non solo italiane ma le coste europee questo lavoro questa attività di crowdsourcing che ha generato oltre 6 mila foto con relativi commenti ha richiesto poi una forte attività di selezione che ha dato vita ad un libro fatto di 30 immagini accompagnate da 30 incipit e libri dedicati al mare e questo libro che si può scaricare gratuitamente sulle principali piattaforme di acquisto libri è sostanzialmente una testimonianza fatta appunto dal basso delle nostre coste dove le nostre coste va inteso in chiave europea o altro progetto fra i vari seguiti e anche fra i più recenti e roma non ha prezzo sviluppato in collaborazione con mastercard dove è stato richiesto agli utenti di fotografare la città eterna roma fotografando si sa se sia abitanti quindi punto la si vive tutti i giorni sia magari essere visitata una sola volta come come turisti e devo dire che per esempio questo progetto che sta piacendo tantissimo in meno di 24 ore ha già generato oltre mille scatti dove quindi è un chiaro esempio di quanto l’utente sia un po annoiato dal fatto di essere solo uno spettatore e che invece voglio essere coinvolto direttamente nei progetti e io ringrazio tutti quanti tutti quanti voi e anche tutti quanti voi partecipanti per avere partecipato questo per il web in vi ricordo che anche questi materiali quindi le slide e di gusto webinar di presentazioni e il video di questo webinar di presentazione sarà online entro due giorni al massimo quindi sarà sempre comunque disponibile per tutti quanti voi di iscritti e vi ricordo che l’eroe di booking e se ti iscrivi entro il primo di aprile il costo del master e 749 è perfetto grazie a tutti grazie a tutti quanti con i buona serata. .